Il Viminale apre alle scuole

"l'Intelligenza di un'Amministrazione"

L'iniziativa continua ospitando 250 studenti del quartiere Sanità di Napoli

I ragazzi hanno salutato il Ministro dell'Interno ed il Capo della Polizia con una canzone napoletana dalla quale hanno preso spunto per una serie di poesie, da loro stessi composte, che hanno sottolineato la vicinanza e la comprensione per l'operato Istituzionale e degli operatori del Ministero dell'Interno.

Oltre alle composizioni poetiche gli scolari hanno consegnato al Ministro alcuni doni, tra l'altro, un Pulcinella, un quadro in rame raffigurante il Vesuvio (foto sotto) ed un gagliardetto del Comune di Napoli inviato dal Sindaco della Città partenopea Rosa Russo Iervolino.

Il loro messagggio: la Cultura vince sulla illegalità.

Una bella iniziativa, ottimamente organizzata, che non dovrebbe rimanere unica.

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 

La canzone intonata dai ragazzi dell'Andrea Angiulli nel Salone delle Conferenze del Palazzo Viminale. Dal testo della canzone è nata la riflessione per le poesie composte dai ragazzi e declamate in sala.




'A città 'e Pullecenella


di Claudio Mattone

T'accumpagno vico vico,
sulo a te ca si' n'amico...
e te porto p''e Quartiere,
addó' 'o sole nun se vére...
ma se vére tutt''o riesto...
e s'arápono 'e ffeneste;
e capisce comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella!

Comm'è bella, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella...
Comm'è bella, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella...

Mme dispiace sulamente
ca ll'orgoglio 'e chesta gente,
se murtifica, ogne ghiuorno,
pe' na máneca 'e fetiente
che nun tènono cuscienza,
che nun tènono rispetto...
Comme fanno a pigliá suonno,
quann'è 'a sera, dint''o lietto?!...

Dint''o lietto, dint''o lietto,
quann'è 'a sera, dint''o lietto...
Dint''o lietto, dint''o lietto,
quann'è 'a sera, dint''o lietto...

Mo te porto a Margellina,
sempe ca nun tiene fretta,
verso 'e ccinche d''a matina,
quann''o traffico 'o ppermette...
Ccá è permesso tutte cosa,
no' pecché tiene 'o diritto...
ma pecché s'è sempe fatto...
o è sultanto pe' dispietto!...

Pe' dispietto, pe' dispietto,
o è sultanto pe' dispietto!...
Pe' dispietto, pe' dispietto,
o è sultanto pe' dispietto!...

Mme dispiace sulamente
ca ll'orgoglio 'e chesta gente,
se murtifica ogne ghiuorno...
e nuje ce mettimmo scuorno...
Ma nisciuno pò fá niente:
ce 'a zucammo 'a caramella...
Comm'è doce e comme e bella,
'a cittá 'e Pullecenella...

Comm'è doce, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella...
Comm'è doce, comm'è bella,
'a cittá 'e Pulecenella...

Comm'è doce, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella...
Comm'è doce, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella...

I' che sóngo musicante
e mme sento furtunato,
canto e sòno, sòno e canto,
chesta bella serenata...
E pecché só' 'nnammurato,
pecché forse ce só' nato...
ma vedite comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella!...

Comm'è bella, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella....
Comm'è bella, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella...
Comm'è bella, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella...
Comm'è bella, comm'è bella,
'a cittá 'e Pullecenella...


  "Napoli, una Città meravigliosa, che va tutelata da ogni tipo di degrado".
Il degrado si batte con la Cultura.