pagina in allestimento

presto le foto

 

 

Il 1° maggio il vice presidente dell'A.D.M.I. Giorgio Dalla Massara Meconi e Don Roberto Berruti, con i giovani dell'Oratorio evviva Maria, sono andati, ancora una volta, a L'Aquila mantenendo l'impegno preso di non lasciare soli i ragazzi della tendopoli di Piazza d‘Armi.

Arrivati alla tendopoli hanno consegnato ai responsabili della Protezione Civile quanto raccolto ed acquistato, grazie anche alla collaborazione ed attivazione dei colleghi.

La mattinata è trascorsa aiutando i volontari presenti nella sistemazione del campo, poi, ripartiti alla volta di S. Elia, hanno avuto modo di conoscere Don Mauro, sacerdote che vive ed opera nella tendopoli di questo piccolo centro. Don Mauro è divenuto subito il punto di riferimento per i vari campi dei dintorni.

Si è così creato un momento di fratellanza tra due comunità lontane ma accomunate dalla speranza e dalla voglia di ricostruire una casa comune.

Il gemellaggio è stato sancito dal gesto simbolico della consegna della maglia dell'Oratorio a Don Mauro che a sua volta ha consegnato tre mattoni della sua chiesa crollata, per far sì che nella cappella che stiamo realizzando a Roma ci sia anche un pezzo della sua chiesa.

Prima della partenza è stato visitato l' Apiario di Collevernesco dove viene prodotto un ottimo miele (more, fragola, menta, balsamico, al mandarino). La produzione attualmente attraversa un momento di crisi e si è pensato che andrebbe, in qualche modo sostenuto ed incoraggiato l'ordinativo del prodotto anche dai Soci A.D.M.I. che tramite il vice presidente potrebbero contribuire, acquistando il miele, a risollevare le sorti di un'attività fortemente danneggiata dal sisma.

Al ritorno è stato ricaricato il furgone di vestiario ed altro materiale che essendo usato ed in mancanza di possibilità di controllo e sistemazione da parte dei volontari abruzzesi, rischiava di deteriorarsi. Questo materiale è stato portato alle suore di madre Teresa di Calcutta.

Al più presto ci recheremo ancora nelle tendopoli per poter dare, per quanto possiamo, una mano concreta anche a don Mauro che quotidianamente vive al fianco dei giovani, anziani e bambini affrontando quotidianamente tutte le difficoltà e le sofferenze seguite al tragico evento che ha colpito queste terre.