Un albero per ricordare  

Giovedì 28 giugno 2012

Palazzo Viminale - lato giardini

Un albero per ricordare
Evento dedicato ai tanti Eroi silenziosi che
rendono ogni giorno  più forte il nostro Paese

Clicca qui per guardare altre fotografie

Il Ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri interviene all’incontro organizzato dall’A.D.M.I. per portare solidarietà
alle famiglie di coloro che non ci sono più e per ricordare colleghe e colleghi  che hanno fatto della loro vita una missione,per la tutela della Sicurezza e delle Libertà individuali in difesa della nostra Democrazia

Il Prefetto Annamaria Cancellieri
incontra Francesco Saverio Coraggio
Presidente
dell'A.D.M.I.

 

 
Nomi e dediche peer "chi non c'è più"
Un momento della posa dell'albero di ciliegio
La targa ricordo posta sotto l'albero
Francesco Coraggio saluta il Ministro Cancellieri
Il momento in cui vengono liberati i palloncini

 

 

Clicca qui per guardare altre fotografie  
 

 

 

 

“ANGELI SULLA TERRA”

Sarebbe bello ricordarli quotidianamente magari passando accanto ad un albero, un ciliegio, che rappresenti a tutti la forza, la tenacia e l'amore che mettevano nello svolgimento delle loro attività e per ricordarli ancora con maggiore intensità ogni volta che l'albero fiorirà e darà frutti.
Chiamare con il termine “scomparsi”  coloro che sono  abituati a vivere attivamente, al servizio degli altri, risulta strano.
Loro non continuano solo a vivere nella memoria, vivono in tutto ciò che hanno realizzato per tutti noi.
Ce li immaginiamo che svolgono le loro attività quotidiane al servizio dei cittadini del mondo e che preferiscano essere
chiamati semplicemente professionisti, anche se i cittadini li vedono come “Angeli sulla terra”.
Un albero per ricordare

Evento commemorativo in ricordo di quanti si prodigano nel soccorso a tutela di ogni popolazione mettendo a repentaglio, coscientemente, la loro vita per garantire la Sicurezza, il Soccorso, le Libertà individuali.  Semplicemente, con lo stesso impegno ed altruismo, li troviamo a contatto con il pubblico, nei campi profughi, negli ospedali, tra i terremotati ed in molte altre situazioni di rischio e sofferenza.  Il Ministero dell’Interno ne è il simbolo