Il Sottosegretario di Stato Ettore Rosato (a destra) saluta Mons. Marco Gnavi - direttore dell'Ufficio per l'ecumenesimo ed il dialogo interreligioso del Vicariato di Roma, il presidente della Comunita' ebraica romana Leone Paserman (al centro) ed il segretario generale del Centro Islamico di Roma Abdullah Redouane (a sinistra).

Redouane ha sostenuto nel suo intervento che è un gravissimo errore quello di ghettizzare gli immigrati o autoescludersi dalla società.
Il luogo di culto, poi, deve essere aperto.
Quando c'è stato il rapimento delle due Simone, in Iraq, fu il Centro Islamico italiano a lanciare un appello "Lasciate libera la nostra studentessa" perchè una delle Simone era stata studentessa di lingua araba al Centro Islamico per un anno.
"Dobbiamo costruire questa società, dobbiamo costruirla insieme, camminare insieme! Non c'è voi e noi: siamo tutti insieme!"
Mons. Gnavi ha sostenuto che la famiglia è la cellula umana di pace e prima agenzia di pace invitandole ad essere portatrici di sicurezza e pace.
Paserman ha basato il suo intervento sugli immigrati e sulla sicurezza del lavoro. Rispetto ai primi indica una strada di accoglienza per l'immigrato che desidera lavorare ed integrarsi. Rispetto alla sicurezza sul lavoro la sua esperienza è tale da permettergli di fare un appello ad imprenditori, sindacati e lavoratori per suggerire che la sicurezza sul lavoro costa ma costa molto più un incidente sul lavoro.

La dott.ssa Paba interviene all'incontro sulla Sicurezza - organizzato dall'A.D.M.I.

La dott.ssa Patrizia Paba - Intervenuta in rappresentanza del Prefetto de Gennaro Capo di Gabinetto del Ministro dell'Interno.

Sottolinea il ruolo del M.I., volto a realizzare quella missione Istituzionale di integrazione nell'ambito della società, di coesistenza pacifica e coesione sociale.

Il Segretario dell'Associazione Dipendenti Ministero dell'Interno apre i lavori del Convegno.

La dott.ssa Cagliostro interviene in rappresentanza del Capo Dipartimento Prefetto Procaccini.

Don Roberto Berruti è missionario ai Castelli Romani. Cerca di costruire un pezzo di paradiso sulla terra per i ragazzi di strada. I giovani si sono perduti in falsi miti. Occorre formazione, non quella delle parolacce o dei sederi scoperti ma la cultura dell'accoglienza, e prevenzione, fornendo loro luoghi mentali e fisici dove possano tirar fuori il meglio di ognuno.

Bruno Giangiacomo (Magistrato) - Consiglio Superiore della Magistratura

La prevenzione è indispensabile. La repressione può essere necessaria ma non è la sola forma d'intervento. Il costo delle misure di prevenzione sul lavoro è di gran lunga inferiore al costo che la società deve poi pagare per le vittime in questo settore.

 

Don Santino Spartà

La sicurezza stradale è un aspetto importantissimo. Occorre insegnare nelle scuole questa materia. Ancor prima della scuola deve essere la famiglia ad educare alla guida ed i religiosi (i preti di qualsiasi religione).

A sinistra il rappresentante della C.R.I. Ghebremedhin Ghebreigzabiher responsabile dell'Ufficio Centrale per le migrazioni (ha portato il saluto del Presidente della Croce Rossa Italiana Massimo Barra).

L'operato C.R.I. e del Ministero dell'Interno va continuato perché permette di salvare numerose vite umane. La tutela dei migranti deve essere sostenute perché non sono pericolo ma forza lavoro.

Accanto a lui all'Ing. Alfio Pini Dirigente dei Vigili del Fuoco. A destra il Vide Capo Dipartimento della Protezione Civile Fabrizio Colcerasa.

Quest'ultimo ha sostenuto che occorre “una cultura della sicurezza”. La sicurezza non è un costo aggiuntivo. La non sicurezza è un costo sociale. Fare sicurezza è un investimento: meno rischi, meno costi sociali. Senza volontariato è difficile operare …

Tra gli intervenuti anche Rosario Taurisano - Funzionario Tecnico Volontario del Corpo Vazionale dei Vigili del Fuoco - che ha analizzato la straordinaria importanza dei "singoli gesti" ed il "comune senso della sicurezza", che dona quotidianamente segnali significativi sotto il profilo della solidarietà.

A destra il moderatore del dibattito l'avv.to Antonfrancesco Venturini accanto all'Ing. Colcerasa. A sinistra Antonio Mercuri Capo reparto Vigili del Fuoco e Vice presidente del consiglio comunale di Frascati.

Antonio Mercuri (Socio Fondatore A.D.M.I.) chiude i lavori.

Visto l'altissimo profilo raggiunto anche in quest'occasione da un evento dell'A.D.M.I., e sottolineato l'importanza dell'argomento si offre di ripeterlo, nella prossima estate, a Frascati, città di cui è Consigliere e Vice presidente del Consiglio Comunale.

Grazie dell'invito: ci saremo!